• Home
  • Blog
  • Il Comune di Manduria: terre del Salento
Manduria centro storico cosa vedere

Il Comune di Manduria: terre del Salento

Una città antica, con una storia millenaria che ricopre un importante ruolo storico e culturale nel Salento. Infatti le sue origini derivano da un’antica popolazione, i Messapi, i quali con il loro arrivo in Salento portarono alla nascita dei più importanti centri come Alezio, Ugento, Otranto, Brindisi, Vereto a Patù, Ceglie Messapica, Vaste a Poggiardo, Oria, Nardò, Mesagne, Cavallino, Roca Vecchia, Egnazia, Rudiae e anche Manduria.

Il Primitivo di Manduria

Storia di un popolo prevalentemente agricolo, che ha dedicato la propria vita alla coltivazione e alla cura della terra. Oltre alla ricchezza delle coste salentine, Manduria ha sempre più affermato le proprie competenze per la produzione del vino.

La gente del posto ha sempre sostenuto questa ricchezza che durante i secoli ha difeso dalle forti potenze dell’epoca, come la vicina società urbana tarantina.

Il vigneto Primitivo di Manduria si ipotizza che sia risalente ai Greci che lo esportarono in Puglia. Infatti dall’aroma fruttato, corposo e dal gusto deciso, il Primitivo di Manduria, ha le stesse origini dello Zinfandel.

Il Primitivo di Manduria

Oggi, è uno dei tanti vini rossi più amati ed apprezzati del territorio pugliese, abbinabile ad ottimi piatti a base di carne e formaggi stagionati.

Dove si trova Manduria

Situata in Salento, nella Provincia di Taranto, Manduria nota anche come Città dei Messapi, affonda probabilmente le origini del suo nome all’indoeuropeo ''mandus'' che significa “cavalli”, infatti ricordiamo il popolo dei messapi come abili allevatori di cavalli.

Altra ipotesi sull’etimologia della parola Manduria è mand-uria cioè avanti a Oria, altro antico borgo che confina con la Città di Manduria.

Il territorio comunale si estende fino alle coste ioniche, in cui sono situate le spiagge di:

La scoperta dei luoghi storici

La storia ci lascia ciò che resta tra antiche costruzioni e fortificazioni. Il borgo di Manduria conserva un affascinante centro storico che ci permette di rivivere la sua storia.

Tra antiche e suggestive vie del centro, il borgo conserva:

  • La chiesa collegiata romanica;
  • Il ghetto ebraico di epoca medievale;
  • Torre dell’orologio;
  • I palazzi;
  • I resti delle mura megalitiche;
  • la vasta area archeologica;
  • Il Museo della Civiltà del Vino Primitivo;

Inoltre, ricca di architettura religiosa, per le vie del centro troviamo:

  • Chiesa Madre (XV secolo)
  • Ex Chiesa di Santa Croce
  • Chiesa di San Francesco
  • Chiesa del Carmine
  • Chiesa di San Pietro Mandurino
  • Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli
  • Convento dei Passionisti
  • Chiesa di Santa Lucia (XIX secolo)
  • Chiesa di San Benedetto (XVI secolo)
  • Chiesa dell'Immacolata (XVII secolo)
  • Parrocchia - Oratorio San Giovanni Bosco

I visitatori che scelgono la vacanza in Salento, possono ammirare queste bellezze del passato,

un passato ricco di storia, cultura, tradizioni e ricca gastronomia dai sapori semplici. Per tale motivo Manduria è un luogo affascinante, da visitare sia nei periodi invernali che estivi.

Oltre ai magnifici panorami dell’entroterra, la costa regala affascinanti spiagge come San Pietro in Bevagna e suggestive torri costiere, costruite durante la dominazione di Carlo V.

Ciò che offre questo territorio è un autentico tuffo storico-etno-gastronomico che ci aiuta a conservare la sua lunga storia.

Manduria centro salento vacanze
Manduria cosa vedere
Manduria centro storico di manduria
Manduria Piazza Commestibili
Manduria salento cosa vedere
Manduria vietta
Maduria scoprire la città messapica
Manduria palazzo giannuzzi corcioli
Manduria centro storico foto artistica
Manduria campagne salento
Manduria primitivo1
Manduria centro salento vacanze Manduria cosa vedere Manduria centro storico di manduria Manduria Piazza Commestibili Manduria salento cosa vedere Manduria vietta Maduria scoprire la città messapica Manduria palazzo giannuzzi corcioli Manduria centro storico foto artistica Manduria campagne salento Manduria primitivo1

Prodotti tipici di Manduria

Le terre del Salento oltre a regalare incantevoli panorami sono fonte di ricchezza della cucina salentina.

Sulle tavole salentine i veri protagonisti sono i prodotti partoriti da queste terre, ingredienti di una cucina povera un tempo per necessità, oggi povera per attualità e convenienza dietetica e salutare.

Tra i piatti tipici di Manduria troviamo: cassatine di ricotta, castrato alla brace, ciceri e tria, fave fritte, melanzane ripiene, orecchiette alle cime di rapa e mollica, orecchiette con salsa di noci, ricotta fritta.

tavole salentine

Ricordiamo anche, con i termini dialettali : li pettuli, li purcidduzzi, la frisedda, li pizzarieddi, li fai e foje, li Scarceddi.

La preparazione di alcuni piatti tradizionali è caratterizzata da una tecnica culinaria antica, utilizzata nelle case degli abitanti di Manduria e anche in alcuni ristoranti della città.

I Ristoranti che si trovano a Manduria sono:

  • All' Hostaria;
  • Trattoria Messapica - Cucina Tipica Salentina Bistrot;
  • La Locanda Di Antonvito;
  • Gusto Primitivo;
  • Ristorante Al Castello;
  • Locanda Cinquesanti;
  • Pizzeria La Luna Nel Pozzo;

La storia dell'antico borgo di Manduria

Parliamo dei tempi in cui i popoli erano soggetti a numerose guerre di conquista. Anche la Città di Manduria, raccontata da documenti storici, fu impegnata in numerosi conflitti con la Città di Taranto, che godeva della forte alleanza con Sparta nel 338 a.C.

Da alcuni racconti si evince la fine della guerra conclusa con la morte di Archidamo III Re di Sparta sotto la guida di Taranto, sotto le mura della città antica.

Anche Manduria passò sotto il dominio di Roma dopo la conquista di Brindisi. Durante il periodo romano, la Città di Manduria ha assunto un atteggiamento favorevole alla discesa di Annibale, che portò fuori controllo gran parte dei territori del sud Italia all’impero romano, in seguito poi riconquistati gradualmente.

Il centro storico di Manduria fu ricostruito successivamente a causa delle incursioni dei Saraceni, battezzandolo con il nome di Casalnuovo. La ricostruzione del nuovo borgo era solo una parte di quello precedente. Esso si concentra verso occidente perché ad oriente, vi è ancora oggi, una necropoli risalente all’età Messapica.

La storia feudale di Manduria è travagliata: il borgo è passato nelle mani di diverse potenti famiglie, fino a giungere agli Imperiali di Martina Franca che hanno detenuto il feudo fino al XVIII secolo.

Il risentimento della ricostruzione ha lasciato un segno a questo popolo che ha voluto conservare il proprio nome del borgo di Manduria. Il re Ferdinando di Borbone accolse questa richiesta del popolo emanando il decreto regio del 17 novembre 1789. Mentre un secolo dopo con Umberto I fu proclamata Città'.

Altri eventi importanti ci furono con il Regno di Napoli sia prima che dopo l'Unità d'Italia.

Anche a causa di eventi naturali, la popolazione subì un evento drammatico con l’arrivo di alcune epidemie come la peste e il colera decimando la popolazione.

Dopo la metà del novecento la Città di Manduria ha registrato una forte crescita del tasso di natalità, consolidando un' espansione urbana, con un forte impatto all’economia agricola della città, sfruttando il ricco territorio del Salento.


Commenti

Articoli Collegati

Sign In


Non hai un account? Contatti