• Home
  • Blog
  • Il Comune di Lecce simbolo dell’arte Barocca
Comune di lecce

Il Comune di Lecce simbolo dell’arte Barocca

Con le sue bellezze barocche, con il suo stile inconfondibile che rende questa città d’arte meravigliosa, la Città di Lecce si presenta con un pregiato valore architettonico risalente al XVII e XVIII secolo .

Con la sua eleganza e il suo antico fascino, Lecce ,custodisce l’arte barocca nota tra le facciate delle dimore storiche, delle maestose Chiese ,degli antichi Conventi e delle strade del centro storico.

Questa città custodisce e mantiene le sue antiche tradizioni, una cultura millenaria ricca di arte e storia come la lavorazione della pietra leccese, un calcare malleabile e adatto alla lavorazione con lo scalpello e l’arte della cartapesta leccese, che risale al XVII e XVIII secolo.



L’eleganza e la perfezione dello stile barocco, si intravede nei monumenti con le forme rinascimentali ricche di dettagli e decorazioni scolpite sulla pietra. Per tale motivo in molti definiscono Lecce come la Firenze del sud o l'Atene delle Puglie.

Chi sceglie di fare le vacanze in Salento, oltre alle meravigliose coste, la Città di Lecce, è certamente il cuore del Salento.

Cosa vedere a Lecce?

Tra i maestosi monumenti del barocco leccese, ricordiamo la Basilica di Santa Croce.

Con la sua imponente e originale architettura è il simbolo della della regalità Cristiana, data dalla balconata sostenuta da personaggi allegorici, dal rosone adornato di cornici e sculture, capitelli ed immagini che propongono angeli e putti, frutta mediterranea, ghirlande di fiori, stemmi e bassorilievi di straordinario interesse.

Il Palazzo dei Celestini affianca la Basilica ed è un ex convento dei Padri Celestini con una lavorazione a bugnato, arricchito da finestre e capitelli barocchi, situato nel centro storico del Comune di Lecce. Nei pressi troviamo i più noti bed and breakfast, alberghi e hotel.

Dagli antichi palazzi e chiese, Piazza S. Oronzo dedicata al Santo Patrono, unisce in sé storia, architettura , la quotidianità e il senso di appartenenza . Essa è un insieme di edifici religiosi, monumenti e spazi commerciali.

Al centro della piazza è situata la colonna di epoca romana, con al vertice la statua di Sant’Oronzo realizzata in bronzo, alta circa 29 metri . Fu realizzata come simbolo di riconoscimento per aver tutelato il popolo dalla peste diffusasi nel 1656 nel Regno di Napoli.

Considerata come il cuore di Lecce, nei pressi della piazza troviamo:

• la rinascimentale ex chiesetta di S. Marco;

• il cinquecentesco Sedile;

• l’anfiteatro romano, sotto il livello stradale;

• lo stemma musivo della città raffigurante l’albero di leccio con la lupa;

• la colonna votiva con la statua del protettore;

• una parte del settecentesco Palazzo Carafa;

• il Teatro Apollo; 

Altro luogo di notevole importanza storica è Corso Vittorio Emanuele ,una tra le più caratteristiche vie d’arte del barocco leccese, in cui sono presenti antichi palazzi nobiliari, chiese come quella di S. Irene, Piazza Duomo, negozietti, ristoranti e botteghe di artigiani della cartapesta.

Come tutta la città di Lecce, questa via in particolare manifesta una spettacolare scenografia architettonica tra cui la Cattedrale barocca, il Campanile realizzato in bugnato, l’Episcopio vescovile, l’ex Seminario dove è situato uno dei pozzi considerati tra i più belli del Salento.

Con il nome di “Città dalle cento Chiese”, la ricchezza dell’architettura sacra è davvero impressionante, infatti la città è ricca di costruzioni sacre realizzate durante la dominazione spagnola, che portò a una crescente diffusione dell’arte barocca con architetture sacre e facciate di alto pregio architettonico.

Le costruzioni di maggior importanza dedicate al culto religioso sono:

  • • le Chiese del Rosario e di S. Teresa;
  • • la chiesa di S. Anna e di S. Elisabetta;
  • • S. Matteo con un raro prospetto concavo - convesso;
  • • la chiesa di S. Chiara e di S. Giuseppe;

La grande cultura leccese in parte è conservata da musei e gallerie d’arte, in cui vengono custoditi resti di epoche che risalgono a quella romana e messapica. Per chi sceglie di visitare il Comune di Lecce, consigliamo:

  • il Museo Archeologico Provinciale S. Castromediano;
  • il Museo storico della Città di Lecce che è anche galleria d’arte contemporanea;
  • la Pinacoteca d’Arte francescana situata all’interno del Palazzo Fulgenzio;
  • il Museo del Teatro Romano;

Scegliendo di visitare Lecce non è possibile sfuggire a questi incantevoli luoghi ricchi di storia e arte, che offrono l’opportunità di rivedere la storia di un popolo antico e di tradizioni millenarie.

Dove mangiare a Lecce

La storia di Lecce è anche la sua cultura culinaria, antica e pregiata, che possiamo riscoprire con le trattorie e i ristoranti sparsi per la città, che offrono piatti di alta qualità e ottimi prezzi per tutti i turisti.

Le antiche ricette, ancora oggi utilizzate e conservate ,rappresentano un’ importante impronta culturale del territorio data dai sapori e dalle tecniche di preparazione come una vera e propria arte.

Ciceri e Tria, Sagne 'ncannulate, Turcinieddhi, Pezzetti di cavallo al sugo, Rustico leccese, Calzone leccese, il Pasticciotto leccese e tanti altri piatti salentini ,sono un altro buon motivo per poter scoprire la terra del Salento e i suoi sapori mediterranei.

Osteria Da Angiulino, trattoria l'Antica Corte, l'Osteria le Volte, la Locanda del Ragioniere, Ostrica Ubriaca, Lerian Ristorante Salentino sono alcuni dei locali situati nel centro storico di Lecce.

Tradizione salentina orechiette
Pasticciottos lecce salento
Polpo alla pignata piatto salentina
Puccia leccese
Rustico leccese
Il pasticciotto leccese la cucina pugliese
Piatti tipici di Lecce
Tradizione salentina orechiette Pasticciottos lecce salento Polpo alla pignata piatto salentina Puccia leccese Rustico leccese Il pasticciotto leccese la cucina pugliese Piatti tipici di Lecce

Dove si trova Lecce

Il Comune di Lecce è il capoluogo del Salento. Durante una vacanza o soggiorno, oltre alla bella città storica si può godere della bellezza delle coste e delle città balneari. A circa 40 chilometri di distanza troviamo la Città marina di Porto Cesareo, le belle spiagge e le alte scogliere che cadono a picco sul mare. 

Anche Porto Selvaggio, intorno sempre ai 40 chilometri di distanza , presenta una vasta area naturale, tra un misto di bellezza di colori e natura incontaminata, in molti scelgono di raggiungere queste zone noleggiando uno scooter o bici.

Da visitare anche , i piccoli borghi e castelli presenti nei pressi della provincia di Lecce e Brindisi, come Il Castello di Oria, la Torre di Leverano, Castello di Nardò e tante altre costruzioni sparse su tutto il Salento.

Dove alloggiare a Lecce

Durante la vacanza in Salento, nel centro storico di Lecce sono situati numerosi Bed and breakfast e hotel presso i siti storici più importanti, da poter raggiungere tranquillamente noleggiando una bici o uno scooter.

Tra questi importanti monumenti storici troviamo il Castello Carlo V, l’anfiteatro romano e tanti altri monumenti realizzati sempre durante la dominazione di Carlo V.

Consigliamo, per vivere a pieno la città, di soggiornare nel centro storico circondato dalle principali porte, che un tempo rappresentavano le fortificazioni della città: l’arco di trionfo Porta Napoli, Porta San Biagio e Porta Rudiae.

Lecce Teatro Romano
Lecce Porta Napoli cosa da visitare
Lecce il Duomo colori salento
Lecce il barocco
Lecce duomo
Lecce cose da visitare
Lecce cosa visitare
Lecce vie antiche salento
Lecce e il centro storico
Lecce centro storico
Lecce centro e storia
Lecce Teatro Romano Lecce Porta Napoli cosa da visitare Lecce il Duomo colori salento Lecce il barocco Lecce duomo Lecce cose da visitare Lecce cosa visitare Lecce vie antiche salento Lecce e il centro storico Lecce centro storico Lecce centro e storia

Commenti

Articoli Collegati

Sign In


Non hai un account? Contatti