• Home
  • Blog
  • Il Castello Aragonese di Taranto
Castello aragonese taranto

Il Castello Aragonese di Taranto

Noto anche come castel Sant’Angelo, il castello di Taranto sorge sulla parte estrema dell’isola ed è affacciato sul mare. Il Ponte girevole, posto al di sopra, collega il borgo antico con il borgo nuovo.

Le sue prime costruzioni, costituite da torri strette e alte, si fanno risalire all'VIII secolo d.C., epoca in cui i Bizantini dovevano difendersi dagli attacchi dei Saraceni, avvalendosi di lance, frecce, pietre e olio bollente.

Nel 1481 venne costruito un canale marittimo per favorire l’imbarcazione di piccole navi e allo stesso tempo per migliorare la difesa.

Con Ferdinando D’Aragona I nel 1486, il castello cambiò notevolmente, conferendogli la sua attuale struttura: egli fece infatti costruire le torri basse e larghe di forma circolare, funzionali all’utilizzo dei cannoni, importante esempio di architettura militare.

torre circolare castelllo di Taranto

Nel 1491 venne aggiunto il rivellino a base triangolare per poi essere terminato (il castello) definitivamente l’anno successivo.

Nel 1707 finì temporaneamente la sua funzione strategica per opera degli Asburgo che decisero di convertirlo in una prigione, mentre Napoleone Bonaparte lo riportò alla sua originaria funzione. Inoltre fece allargare il canale marittimo e realizzare il ponte girevole.

Nel 1887, infine, il Castello diventò una delle sedi della Marina Militare che oggi apre la struttura a visite guidate, manifestazioni culturali ed eventi.

Al suo interno si trova la cappella di San Leonardo, due lastre raffiguranti un religioso e un guerriero, e l’inquietante sala della tortura, caratterizzata da un foro centrale nella volta che fungeva da amplificatore delle grida dei torturati per spaventare gli altri prigionieri.

H3 Visitare il Castello

Le visite al Castello sono totalmente gratuite, ed è possibile farlo tutti i giorni compresi i festivi. Inoltre, essendo organizzate per turni sia di mattina che pomeriggio hanno orari specifici, vi consigliamo di prenotare in anticipo.

Commenti

Articoli Collegati

Sign In


Non hai un account? Contatti